Home / Tour / Kenya

Kenya

InformazioniCosa vedereAlberghiTrasportiCosa portareConsigliDiario di viaggioPhoto Gallery

Il Kenya è un Paese ricco di posti incredibili, con un mare limpido e ricco di riserve popolate di animali. Quello che ti resta nel cuore al ritorno può essere davvero definito “mal d’Africa”, nostalgia di paesaggi, persone, e luoghi che non riesci a dimenticare e da cui non vorresti staccarti mai.
Ecco alcune informazioni utili per affrontare un viaggio in Kenya:

Periodo di viaggio: Gennaio
Durata del viaggio: 9 giorni/7 notti
Budget: 1.500€/persona

Informazioni sul Kenya:

Capitale: NAIROBI

Popolazione: 31.500.000 circa

Superficie: 582.646 km2

Ora e comunicazioni telefoniche: Il fuso orario è di + 2 ore rispetto all’ora solare in Italia e di + 1 ora rispetto all’ora legale.Prefisso dall’Italia: 00254

Religioni: Cristiani 60%, animisti/seguaci di religioni tradizionali 28%, musulmani 10%, altri 2%.

Documenti: Passaporto necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. All’ingresso nel Paese, viene apposto un timbro sul passaporto dal quale risulta la durata del soggiorno. Si consiglia di dichiarare il periodo effettivo del soggiorno in Kenya e di controllare il timbro apposto sul passaporto; la proroga del soggiorno può essere estesa solo presso gli uffici competenti per l’immigrazione. Le sanzioni per il mancato rispetto di tale procedura possono arrivare anche all’arresto. Per entrare in Kenya il passaporto deve avere almeno un’intera pagina bianca, al fine di poter apporre il visto d’ingresso. In caso contrario, i viaggiatori potrebbero non essere accettati nel Paese e fatti rientrare in Italia con il primo volo utile. Il visto si può pagare direttamente in aeroporto, il costo è di US$ 25.

Vaccinazioni: Non sono richieste vaccinazioni, è consigliata la profilassi antimalarica. Può essere richiesta la vaccinazione contro la febbre gialla, se si proviene da Paesi nei quali il morbo è diffuso.
Per prevenire la malaria meglio indossare dal tramonto all’alba un abbigliamento che comprenda camicie a manica lunga e pantaloni lunghi, oltre ad utilizzare, per le parti scoperte, spray repellenti per gli insetti.

Moneta: Scellino Kenyota (KES) che equivale a circa 1 Euro (EUR) = 100,481 Kenyan Shilling (KES) Consiglio di effettuare cambi di piccole somme anche se è poi possibile riconvertire la valuta negli sportelli degli aeroporti internazionali. Il servizio Bancomat è da poco stato istituito in alcune principali banche. Le carte di credito accettate nei principali alberghi sono la Visa, la Master Card e la Diners Club; spesso viene applicata una commissione su ogni acquisto del 5%-10%.

Clima in Kenya: Il clima è generalmente temperato durante tutto l’anno. Sulla costa, la temperatura media si aggira attorno ai 26/28°C con massime di 30/32°C. Sugli altopiani, nelle ore notturne, la temperatura si abbassa notevolmente. Piogge frequenti durante i mesi di Aprile/Maggio.

Quando andare in Kenya: L’alta stagione turistica va da gennaio a febbraio, in quanto il clima è considerato in questo periodo più sopportabile, anche se sempre caldo e umido. Soprattutto tra Marzo e Maggio, e in misura minore da ottobre a dicembre, si scatenano le piogge che solitamente non impediscono ai turisti di compiere escursioni. Se avete in programma un safari, considerate che vedrete meno animali in questi periodi, perché non si avvicineranno alle pozze d’acqua.

Lingua ufficiale: Swahili. L’inglese è generalmente parlato da tutti.

Corrente: La corrente elettrica è di 110/240 Volt . E’ necessario procurarsi un adattatore in quanto le prese di corrente sono di tipo inglese a 3 lamelle piatte. Rasoi ed apparecchi elettrici dovranno essere a voltaggio universale meglio se funzionanti a batteria. In alcuni lodge (soprattutto durante i Safari) viene tolta la corrente elettrica dalle 23.00 alle 6.00.

Festività: Festa dell’Autogoverno (1 giugno); Festa del Nyayo (10 ottobre); Kenyatta Day (20 ottobre) e Independence Day (12 dicembre).

Acquisti: Gli articoli di maggior interesse sono stoffe colorate di cotone, “batik”, sculture in legno o in pietra dura dell’artigianato locale oppure collane in pietre semi-preziose quali malachite, ematite, occhio di tigre e verdite. Molto caratteristiche le collane Masai. In Kenya è vietata l’importazione e l’esportazione di avorio, pelli o trofei di animali.