Home / In viaggio / Viaggiare da soli: alcuni suggerimenti per vivere un’esperienza indimenticabile

Viaggiare da soli: alcuni suggerimenti per vivere un’esperienza indimenticabile

tatuaggio_mappamondo_trolleygirlQuante volte abbiamo pensato di avere davvero bisogno di una vacanza, di voler staccare la spina da tutto anche dalle persone che nella quotidianità ci circondano, ma che molto spesso complicano l’organizzazione di un viaggio…Forse è giunto il momento di pensare di mollare tutto e tutti e prepararsi a vivere un’esperienza incredibile

Innanzitutto partiamo dalla preparazione del viaggio stesso, quella dimensione da sogno nella quale ci immaginiamo nella destinazione che abbiamo scelto e fantastichiamo su ciò che i nostri occhi vedranno e sulle emozioni che ciò scatenerà…iniziamo quindi con il scegliere la giusta destinazione per seguire sì i nostri desideri, ma con le dovute cautele. Non sarò io a dire quali sono le destinazioni giuste per viaggiare da soli, perché ciò è molto soggettivo, ad ogni modo, essendo una donna ed avendo vissuto esperienze di viaggio in tutto il mondo mi sento di aprire una parentesi su questa questione. Se è il primo viaggio in solitario, consiglierei di evitare destinazioni troppo emarginate, dove è difficile avere un contatto prima della partenza o dove non si conosce la lingua locale. Infatti la prima esperienza dovrà essere un po’ più organizzata delle successive, per ovviare a situazioni di stress o panico che potrebbe compromettere l’esito della nostra tanto meritata vacanza.

Per prima cosa verificare la validità del proprio passaporto e che il paese di destinazione non richieda alcun visto particolare. In secondo luogo, suggerisco di fare un programma indicativo sui posti che vorremmo visitare, magari ricercando su internet informazioni sugli alloggi, sugli info point turistici e perché no, cercare online siti nei quali le persone raccontano la propria esperienza come www.trolleygirl.com, le quali solitamente danno anche qualche dritta e consiglio ai nuovi viaggiatori dell’area.

Una volta scelta la destinazione e valigia_viaggiare_soli_trolleygirlverificati i documenti necessari, inizia la vera organizzazione del viaggio. Ovviamente la pianificazione dei preparativi del viaggio varierà a seconda che scegliate una destinazione al caldo, al freddo o semplicemente vogliate fare una vacanza culturale. Se ad esempio scegliamo zone tropicali, desertiche o equatoriali, sarà indispensabile recarsi dal proprio medico per sapere quali sono le vaccinazioni consigliate. Questo vale anche per chi decidesse di partire in coppia o in gruppo, solamente che quando l’organizzazione è in mano ad una sola persona, che magari affronta il viaggio da sola per la prima volta, è facile dimenticare “particolari” di estrema importanza come questo. Provvedere anche ad un’assicurazione sanitaria è estremamente consigliato.

Quando poi il giorno della partenza si avvicina, bisogna iniziare preparare il bagaglio. Anche in questo caso, il necessaire da viaggio dipende dalla destinazione, tuttavia ci sono dei must che non bisogna dimenticare, soprattutto se si è da soli.

In primis pensiamo al nostro kit medico, sarebbe opportuno, oltre ad eventuali medicinali  che nella nostra valigia ci siano tachipirina, cerotti e disinfettante., ognuno dovrebbe conoscere di quali medicinali potrebbe aver bisogno, per aiutarci nella riflessione pensiamo ai disturbi che ci infastidiscono ogni tanto e per precauzione dotiamoci degli antidoti, se non li utilizzeremo c’è sempre l’opzione di lasciarli in dotazione agli ospedali del posto. So per esperienza che se si viaggia in paesi dove la povertà la fa da padrona è un modo per aiutare chi ha bisogno di cure mediche e non se le può permettere.

guida_viaggiare_soli_trolleygirlIn secondo luogo pensiamo a portare con noi una guida sulla destinazione. Suggerisco anche di trovare il posto per un buon libro, che ci aiuterà a passare il tempo durante gli spostamenti o quando stiamo aspettando durante una fila e che potrà essere anche una piacevole compagnia nei momenti di relax. Se vogliamo qualche consiglio sulle nuove pubblicazioni, siti come libriblog.com possono essere molto d’aiuto nella ricerca del nostro libro da viaggio.

Per concludere suggerisco di non caricare troppo il bagaglio, c’è la tendenza, soprattutto al femminile, a pensare di aver bisogno di un sacco di indumenti, quando poi nella maggior parte dei casi se ne useranno meno della metà. Pensate quindi a ciò che vi fa sentire comodi e non dimenticate di dare un’occhiata alle previsioni del tempo relative alla vostra destinazione, può essere davvero utile ad adattare al meglio il carico.

Una volta che riuscirete a chiudere il bagaglio, armatevi di entusiasmo che è l’ingrediente fondamentale perché l’esperienza funzioni. Siate curiosi, parlate con la gente, non esitate a fare domande e ricordate che da soli è molto più facile entrare in contatto con la gente locale, che è sempre incuriosita dai viaggiatori solitari e spesso offre loro la possibilità di scoprire luoghi e di vivere esperienze indimenticabili.

About Trolleygirl

Viaggiatrice nel DNA, Digital addicted per lavoro. Adoro le mete insolite, entrare in contatto con popoli diversi e assorbire nuove culture. Scrivo, fotografo, faccio video e parlo con tutti. Anche con voi, vi serve un consiglio di viaggio?

Potrebbe interessarti anche..

Weekend lungo a Napoli

Il celebre detto “vedi Napoli e poi muori” si addice davvero a questa bellissima città …